Alcune testimonianze su Orantes Pellegrinaggi

La parrocchia di San Patrizio di Roma in Terra Santa, con Orantes Pellegrinaggi

Encomio a Roberto Rita

Il gruppo di fedeli della parrocchia di San Patrizio in Roma, in pellegrinaggio in Terra Santa la prima settimana di settembre, intende esprimere un profondo e sentito ringraziamento alla nostra guida Roberto Rita dell’Orantes Pellegrinaggi, per la straordinaria qualità del servizio prestato.

Denominato da tutti noi un’enciclopedia vivente per l’impressionante bagaglio culturale in diversi ambiti: storico, artistico, archeologico e religioso, Roberto è stato per noi un punto di riferimento di sicura affidabilità, dimostrando di sapersi destreggiare con abilità tra i meandri di un territorio non facile e angusto, sia da un punto di vista fisico, che sociale, perché pieno di divisioni e contraddizioni. In tale difficile contesto, noi tutti con Roberto ci siamo sentiti protetti e al sicuro.

Al di là della sua indubbia preparazione, ciò che più ci preme sottolineare è che Roberto è molto di più che una guida esperta, è un uomo di profonda fede, che non svolge semplicemente un lavoro con passione e serietà, ma è al servizio del Signore; ha messo umilmente la sua vita e quella della sua famiglia a disposizione, facendosi strumento nelle mani di Dio.

Il suo operato è esempio ed espressione di carità cristiana. Grazie alle sue catechesi e a quelle del nostro impareggiabile Parroco Don Fabio Fasciani, che durante questa esperienza è stato particolarmente ispirato dal Signore, abbiamo potuto vivere momenti di grazia e di benedizione, che ci hanno rigenerato e arricchiti spiritualmente, dandoci la “carica” per affrontare, con rinnovato coraggio, i problemi della nostra vita quotidiana.

Roma


Parrocchia di San Martino a Brozzi – Firenze – Pellegrinaggio in Terra Santa

Carissimo Roberto

Tornati a casa, vogliamo ancora ringraziarti per i bellissimi giorni trascorsi in Terra Santa, i nostri occhi e il nostro cuore è ancora là in quei luoghi che abbiamo visitato e che tu hai saputo farci vivere con tanto fervore e conoscenza Biblica, storica e geografica.

Ti porgo anche i complimenti e ringraziamento di tutti i pellegrini di Brozzi. Non passa giorno che incontrandoli ti rinnovino gli elogi e la soddisfazione di essere stati guidati da te, su quei luoghi pieni di spiritualità e spesso fuori dagli itinerari consueti; per averci fatto conoscere le “Pietre vive di Terrasanta”: i ragazzi di mondo X sul Monte Tabor, le Suore dell’Hortus Conclusus a Ortas, I bambini della Creche con Suor Maria a Betlemme, l’incontro con Padre Piazzaballa custode di Terra Santa, la Santa Eucarestia celebrata sul monte degli Ulivi di fronte alla Città Santa presso il giardino delle Suore della Piccola Famiglia della Resurrezione di Gerusalemme, sono solo alcuni dei tanti incontri che portiamo nei nostri cuori e che ci accompagneranno sempre nella nostra vita di ogni giorno .

Un grazie anche a Miriam sempre presente e riservata, una dolcezza! tramite le sue foto, molti ci hanno seguito mentre eravamo in giro per quei luoghi Santi.

Il Signore che già vi benedice continui a stendere su di voi la Sua grazia per quello che fate e per l’amore nel promuovere e guidare i Santi Viaggi.

Grazie ancora, un fraterno abbraccio
Paolo Speranza, Don Luigi Bartoletti e tutti i Pellegrini
Pieve di San Martino a Brozzi – Firenze

“Dall’Arno al Giordano”
Santo Pellegrinaggio in Terra Santa


Un omaggio alla “Orantes Pellegrinaggi” da un parroco della Chiesa Sant’Anna di Morena

Nell’anno della Fede quale migliore occasione percorrere, in pellegrinaggio, le vie della Turchia sui passi dei Padri Apostolici con obiettivo “Le sette Chiese dell’Apocalisse”? (Efeso, Smirne, Pergamo,Tiatira, Sardi, Filadelfia, Laodicea).

Le distanze geografiche e relative complessità logistiche sicuramente non lasciavano spazio all’ottimismo e ad eventuali soluzioni da proporre alla mia Comunità Parrocchiale della Sant’Anna di Morena.

Con un mio carissimo Amico, a fine gennaio, lanciammo la proposta/sfida alla “Orantes Pellegrinaggi” perché ci facesse rivivere, se pur in un contesto socio-politico completamente diverso, esperienze ed emozioni vissute lo scorso anno in un indimenticabile pellegrinaggio in Giordania e Terra Santa.

Detto, fatto: la luce della Provvidenza illuminò il ns. interlocutore, il ns. uomo, Roberto Rita.

Questi, consapevole del nuovo e complesso itinerario, accettò la sfida e nel giro di qualche settimana propose un pellegrinaggio, ricco e ben strutturato, al di là delle ns. stesse aspettative.

Professionalità, impegno e soprattutto il dono dell’assistenza e servizio al pellegrino sono gli ingredienti che Roberto ha saputo amalgamare per coniugare diligentemente tutti gli aspetti biblici, religiosi e culturali legati ai diversi periodi storici dei territori del ns. auspicato Pellegrinaggio di Fede.

Da sottolineare che dinamismo e senso di responsabilità sono ulteriori virtù del bagaglio culturale di Roberto che, la mia immaginazione, spesso me lo raffigurava come un uomo senza casa sempre alla ricerca di una qualcosina in più, di eventuali soluzioni e/o strade migliori da offrire per il benessere e soddisfazione del pellegrino.

Paradossalmente, è proprio in questo contesto che ho scoperto, con sommo piacere, un altro uomo, ricco di spiritualità, grandi valori ed immenso amore per i propri figli e la Famiglia che lo aiutano e supportano in questa sua missione di vita.

Pertanto, certo di interpretare anche il pensiero dei sacerdoti e parrocchiani tutti, che hanno vissuto e condiviso con me questa bellissima nuova esperienza di pellegrinaggio, la mia più sentita riconoscenza a Roberto & Figli con una piccolissima e semplice parola: GRAZIE !

C.C.


Un viaggio al centro del Mistero

Circa tre anni fa, Ombretta, nostra figlia torna entusiasta da un pellegrinaggio in Terrasanta. La vesciche ai piedi ed il cuore in subbuglio: “se volete tornare, affidatevi a Roberto Rita! È stata un’esperienza indimenticabile.” Così, a gennaio del 2011, partiamo con un gruppo di amici. Possiamo dire che i luoghi sacri hanno iniziato a svelarsi nella loro ampiezza, complessità, magnificenza ed umiltà evangelica.

Alla fine, come al solito, i rituali proponimenti di tornare.

E poi, quest’anno, in primavera comincia a scavare come un tarlo nella mente la battuta di una nostra amica (che poi non è venuta): “ma in Israele, non tornate più, non organizzate più un pellegrinaggio?”.

Sarebbe stato bello riprendere il cammino, vedere, insieme alle pietre miliari della nostra fede, anche testimonianze tralasciate nella precedente esperienza.

Sarebbe stata, per me e mia moglie, la terza volta, volevamo davvero immergerci nel Mistero, volevamo mettere la sordina al desiderio (peraltro insopprimibile) di “visitare” i luoghi con un approccio turistico per permetterci di vivere l’incontro con il sacro che trasuda da ogni pietra, risuona in ogni alito di vento, “voce di sottile silenzio”, si riverbera in ogni lampo di luce che ferisce gli occhi.

Proponiamo al parroco, Don Fabrizio Centofanti, di essere la nostra guida spirituale, di lanciare l’iniziativa nell’ambito dell’attività parrocchiale. Si può fare.

Il 26 giugno partiamo per tornare il 4 luglio.

Adesso il desiderio di tornare è davvero dirompente. Don Fabrizio e Roberto si sono integrati perfettamente: l’illustrazione delle pietre erette, abbattute, recuperate, modificate in duemila anni di storia non è stato mai un mero sfoggio culturale ma in ogni momento la solida base perché potessero essere portate alla luce e comprese le fondamenta della nostra fede.

Adesso il desiderio è quello di fermarsi tra quelle pietre, studiare, meditare, adorare il Mistero di un uomo come noi che ha vissuto, sofferto ed è morto per farci, come Lui, figli di Dio.

Tra quelle pietre abbiamo il coraggio di sperare che ci sia anche un pezzo del nostro cuore vecchio al posto del quale ce ne sia uno di carne che batta solo per l’amore per Dio e per il prossimo.

Adesso, rimaniamo in attesa di una nuova ispirazione, di un nuovo suggerimento dello Spirito per fare un’altra telefonata a Roberto e ripartire.

Basilio Mussolin
Diacono permanente
Parrocchia San Carlo da Sezze
Diocesi di Roma